creta

Creta Occidentale: il mio diario di viaggio

30 Agosto 20161818

Il mio viaggio a Creta è nato un po' per caso, scelta dettata non tanto dal desiderio specifico di vedere quest'isola, ma dal budget ristretto che avevo in quel periodo.
Già da qualche tempo io e il mio ragazzo eravamo alla ricerca disperata di un last minute con la speranza di trovare un'offerta al di sotto dei 500 euro.
Finalmente, ad inizio agosto, troviamo un'offertona per l'isola di Kos e decidiamo entusiasti di partire proprio per questa meta. Giusto il tempo di ricaricare la carta di credito e avremmo prenotato. L'offerta va avanti per tutto il weekend, cosi il lunedì sera seguente decidiamo finalmente di metterci a tavolino e prenotare il viaggio.
Super entusiasti cerchiamo l'offerta scelta, ma......

Secchiata di acqua gelida in faccia, l'offerta è sparita completamente dal sito!
Increduli e un pò nevrotici cerchiamo disperatamente sul sito web dell'agenzia credendo ci fosse un'errore, ma purtroppo non c'era proprio più nessuna traccia del pacchetto che volevamo prenotare.
Dopo un primo momento di sconforto mi metto in testa che, se qualcuno aveva fatto in modo che non trovassimo più quest'offerta, era perché sicuramente ci aspettava qualcosa di meglio, serviva solo un pizzico di determinazione e avrei trovato di meglio.
Mi metto cosi alla ricerca di un'altra soluzione setacciando tutti i siti possibili immaginabili e dopo ben quasi tre ore trovo un'allettante offerta all inclusive per l'isola di Creta.

Le destinazioni possibili erano due, Malia, località più conosciuta e turistica oppure Adelianos Kampos, paesino vicino alla città di Rethymno. Dopo essermi informata sulle cose da fare a Creta e sulle sue spiagge più belle ci decidiamo per Adelianos Kampos, che, situato a ovest, ci avrebbe permesso di visitare le spiagge di Elafonissi, Balos e Falassarna.
Partiamo cosi con un'offerta di Hotelplan destinazione Creta, alloggio presso l'Hotel Solimar Dias di Adelianos Kampos in all inclusive e camera standard. Trasferimenti da e per l'aereoporto in minibus compresi. Sebbene avrei preferito un Bad and Breakfast in modo da poter poi mangiare in varie taverne e godermi il cibo greco, ci "accontentiamo" di un all inclusive visto il prezzo veramente competitivo per il mese di agosto.

Giorno 1

Partenza il 20.08.2016 alle 15.30 dall'aereoporto di Zurigo con una compagnia aerea nuova, la Helvetic airways. Visti i prezzi esorbitanti dei parcheggi all'aereoporto di Zurigo decidiamo di affittare un posto auto da un signore della zona, cavandocela con 50 CHF.
Ho trovato l'aereoporto di Zurigo veramente comodo, efficiente e pulito.

All'ora prevista saliamo sull'aereomobile, ma a causa dell'elevato traffico aereo sopra Creta subiamo un ritardo di 30 minuti. Nonostante questo ritardo atterriamo in orario dopo circa 2 ore e 30 di volo.
Il servizio a bordo è stato efficiente e la crew gentilissima. Il cibo che viene servito è decisamente "alla tedesca" con torta di formaggio, pollo al curry freddo con frutta, pane, burro e cioccolato.

All'arrivo veniamo assistiti da una responsabile di Hotelplan che ci consegna una busta con le informazioni sull'isola e le gite organizzate dall'agenzia stessa.
Dopo un attimo di smarrimento in mezzo a una miriade di bus e minibus troviamo quello giusto che in circa 1 ora ci porta a destinazione, Adelianos Kampos.

Il primo impatto con l'hotel è davvero buono, sembra moderno e lo staff è veramente gentilissimo. Ci offrono un drink di benvenuto e ci dicono che in camera avremmo trovato dei panini e qualche snack, visto che il ristornate dell'hotel era ormai chiuso (siamo arrivati in hotel circa alle 22.00, ora locale).

La camera è stata una bella sorpresa, nonostante fosse una camera standard era bella spaziosa, bagno con vasca, tv, aria condizionata e un balcone veramente grande.
E...ciliegina sulla torta: la vista mare dall'ultimo piano dell'hotel, veramente inaspettata. L'hotel è stato rinnovato nel 2011 quindi le camere sono arredate in modo piuttosto moderno e anche la pulizia è stata davvero buona.

Nonostante l'ora decidiamo di uscire a fare un giro nel paesino in modo da poterci già informare per il noleggio di un'auto. Adelianos Kampos non ha di per sé niente di particolare, è un paesino turistico, ma tranquillo ed è tutto un susseguirsi di hotel, taverne, negozi di souvenirs, rent a car e banchi escursioni.
Chiediamo informazioni per il noleggio auto in due rent a car diversi, i prezzi sono più o meno uguali, il prezzo di una piccola auto si aggira sui 45 euro al giorno, ma vista la data e il poco preavviso non rimangono più molte auto disponibili. Alla fine ci decidiamo per una Fiat Punto categoria C che ci viene data al prezzo di un'auto di categoria A visto che non ve ne erano più disponibili.
Prenotiamo quindi questa auto di dimensioni medie da Minoan Car, 4 giorni per 165 euro, assicurazione totale.
Dopo aver dato una sbirciatina al mare ci concediamo un cocktail al bar della piscina e poi andiamo soddisfatti a nanna.

Giorno 2

Dopo esserci svegliati con calma facciamo colazione all'aperto, il tempo è splendido e l'odore di mare mi fa sentire felice.
La colazione è internazionale, si trova di tutto per tutti i gusti, davvero molto buona! Scopriamo anche che in hotel "vivono" 5 dolci micini striminziti che fanno colazione con noi, inevitabilmente non si può resistere e metà della nostra colazione finisce per loro.

Questa prima giornata di mare la passiamo ad Adelianos Kampos, non affittiamo lettini e sdraio perché ci siamo portati la tenda da spiaggia, ma i costi dovrebbero aggirarsi sugli 8 euro al giorno per 2 sdraio e 1 ombrellone.
La spiaggia è di sabbia mista ed è molto grande, ci troviamo un posticino lontano da tutta la gente che rimane nostro per tutto il giorno. La temperatura dell'acqua è molto gradevole, ma il mare è molto mosso e lo sarà per tutta la settimana. L'acqua è bella limpida e nonostante le onde e gli scogli all'entrata ci divertiamo e facciamo tanti bagni.


Non sarà il mare migliore di Creta, ma il sapore di mare è pur sempre sapore di mare e la sensazione di libertà che mi dà è sempre quella, lei, inconfondibile.

Sia pranzo che cena in hotel sono soddisfacenti, c'è una grande varietà di insalate e i primi e i secondi piatti sono sempre variegati. Non è certo cibo di altissima qualità , ma per essere un all inclusive e per il prezzo pagato è veramente soddisfacente. Ciò che mi è piaciuto è che pur avendo cibo internazionale c'era una angolo con specialità greche e due volte alla settimana ci sono state delle serate a tema greco, in cui abbiamo potuto mangiare, ad esempio, del buon souvlaki.

Giorno 3

Grande emozione, la terza giornata la dedichiamo alla caraibica spiaggia di Elafonissi, situata a sud-ovest dell'isola. Il viaggio dura 2 ore e 40 minuti e l'ultimo pezzo di strada mi è piaciuto particolarmente perché montuoso e perché passa in mezzo a tanti paesini caratteristici dove si può osservare la vita quotidiana della gente del posto. Durante il tragitto si possono incontrare molti venditori locali che offrono il raki( liquore locale), olio d'oliva, ouzo e miele locale.

Pur essendo strada di montagna ci sono molte macchine sia davanti che dietro di noi, sicuramente Elafonissi è molto ambita,ma spero comunque che non ci sia una quantità spropositata di gente.
Purtroppo, giunti a destinazione mi devo arrendere, il parcheggio è già strapieno e arrivano macchine in continuazione.

Ci dirigiamo verso la spiaggia, l'acqua è cristallina, caraibica, bellissima, ma c'è veramente troppa troppa gente che toglie decisamente fascino a questo paradiso.
Ci sono cosi tante persone che non si capisce nemmeno più che forma abbia la spiaggia, molto diversa dalle foto paradisiache che si trovano nel web.
So che è agosto e forse mi sono illusa troppo, ma speravo che essendo la fine del mese ci sarebbe stato un'pò meno caos.
Ci troviamo un posticino per montare la tenda, ma in men che non si dica altre persone si piazzano davanti a noi con le sdraio, togliendoci cosi la visuale dal mare.
Facciamo un bagno veloce, l'acqua è piuttosto fredda, ma è paradisiaca e la sabbia è veramente rosa come si vede nelle cartoline.
Mi immagino questo posto deserto, in un'altra stagione, i colori del mare e della sabbia sono veramente un capolavoro. Chissà cosa avranno pensato e provato le prime persone che hanno avuto la fortuna di vedere questo angolo di paradiso ancora vergine.

Ormai sommersi dalla folla decidiamo di cercare un altro posto, rinunciamo all'entrata dolce in acqua e ci spostiamo in un tratto di spiaggia con sabbia mista a scogli. L'entrata in acqua non è delle più belle, ma almeno siamo quasi soli e ci si può godere questa bellezza senza un continuo ronzio nelle orecchie.

Dopo aver passato una bella giornata decidiamo di dirigerci verso casa, la strada è ancora molto lunga.
Nel complesso sono rimasta abbastanza delusa da questa spiaggia, troppa troppa troppa gente.
So per certo però, che se fossi venuta in un altro periodo il mio giudizio sarebbe stato senza dubbio diverso. La bellezza di questo luogo è indiscutibile.

Secondo me sarebbe meglio limitare il numero di turisti per salvaguardare la bellezza e l'ecosistema di questa perla naturale, anche se comunque, è una spiaggia curata e non ci sono rifiuti nei dintorni.
Sono comunque contenta di esserci venuta e me ne vado con la promessa di ritornarci in un altro periodo, magari ottobre, per poterne ammirare a pieno la bellezza.

Sulla strada del ritorno, affamatissimi, ci fermiamo a Elos, paesino di montagna, dove ci fermiamo in una taverna carinissima, la taverna Kastanofolia, e ci godiamo un buon souvlaki.
A fine pasto ci hanno offerto della frutta fresca e un bicchiere di liquore locale. Staff gentilissimo e buon rapporto qualità /prezzo.
Noi avevamo voglia di carne, ma offrono anche pesce freschissimo (ce lo hanno mostrato).
La serata la passiamo tranquilli in paese.

Giorno 4

Il quarto giorno lo dedichiamo alla laguna di Balos, per arrivarci ci impieghiamo poco più di due ore e l'ultima mezz'ora consiste in circa 8 km di strada completamente sterrata. Per accederci bisogna pagare 2 euro. In alternativa si può raggiungere la laguna con i traghetti che partono giornalmente dal porto di Kissamos.

Noi siamo arrivati intorno alle 10 e abbiamo ancora trovato parcheggio, ma più tardi si arriva, più lontano si parcheggia, anche a qualche km di distanza.

Per arrivare in spiaggia bisogna camminare circa 10 min oppure si può optare per la discesa in sella ad un asino. Noi abbiamo optato per la prima soluzione. La laguna è uno spettacolo, quello che si vede in cartolina, si presenta davanti ai propri occhi, è davvero un panorama indescrivibile.
I colori del mare sono bellissimi, un mare turchese dalle mille sfumature. Un vero paradiso!

Anche in questo caso cerchiamo di evitare l'affollamento che vi è nella lingua di sabbia che attraversa la laguna, quindi ci posizioniamo appena sotto il sentiero che scende in spiaggia.
La scelta si rivela vincente, possiamo goderci il mare trasparente e la sabbia bianca (quasi) in santa pace. La temperatura dell'acqua è gradevole, si può camminare per metri e metri con l'acqua che arriva alle caviglie.
Per i miei gusti anche in questo caso c'era troppa gente, ma la bellezza di Balos è un qualcosa di cosi spettacolare che ti rimane nel cuore comunque.
Purtroppo non abbiamo potuto verificare, ma dicono che a Balos si possano ammirare dei tramonti stupendi, e, personalmente, non stento a crederci.
Abbiamo risalito il sentiero verso le 16.00 con taaanta fatica, il caldo era veramente insopportabile, gli scalini sembravano infiniti ed eravamo rimasti quasi senza acqua. Dopo qualche giramento di testa per me, alla fine ce l'abbiamo fatta e siamo ripartiti per Adelianos Kampos con la consapevolezza di aver visto un angolo di paradiso.

Giorno 5

Durante questa giornata ci siamo diretti a Malia per passare una giornata insieme ad amici che abbiamo casualmente incontrato all'aereoporto di Zurigo.
Affittiamo 2 sdraio e 1 ombrellone per 10 euro in uno stabilimento vicino al Malia Resort Beach.
La giornata è stata ventosa, ma sono rimasta piacevolmente sorpresa dal colore del mare di Malia, acqua piacevole, limpida e turchese.
In mattinata ci dirigiamo all'isolotto di fronte alla spiaggia (Afentis Christos) che si raggiunge dopo qualche minuto di nuoto. Scattiamo qualche foto alla chiesetta e poi facciamo ritorno in spiaggia dove ci concediamo un cocktail (6 euro) e più tardi mangiamo un buon souvlaki( 7,5 euro).

Era già da un pò che avevo in testa l'idea di fare paragliding, cosi, nel pomeriggio, ci siamo diretti da Dolphin Water Sports e con uno sconto praticamente del 50% ci siamo portati a casa un giro in barca con paracadute e mezz'ora di moto d'acqua.
Seppur il giro in paracadute è piuttosto breve, mi è piaciuta molto come esperienza!

A Malia ho notato che vengono affittati i classici quad che nella parte ovest invece non ho praticamente visto, se non molto raramente. Ovviamente per girare Creta secondo me è meglio affittare un'auto perché le distanze sono veramente estese.
Passiamo a Malia una giornata divertentissima e in serata torniamo alla base per la cena.

Giorno 6

L'ultimo giorno che disponiamo dell'auto lo dedichiamo alla spiaggia di Falassarna, anch'essa situata nell'estremo ovest dell'isola. Per raggiungerla ci impieghiamo circa 1 ora e 40.

Dalle informazioni che avevo, Falasarna doveva essere la "meno bella" tra le tre migliori spiagge di Creta ovest, ma appena l'ho vista ne vengo completamente rapita.
Spiaggia enorme, come quelle della Versilia per intenderci, sabbia fine, ma soprattutto un'acqua incantevole, di un turchese indescrivibile.
Personalmente mi sento di dire che tra Balos, Elafonissi e Falassarna ho preferito proprio quest'ultima.
Come spiaggia è molto ventosa quindi abbiamo accantonato la tenda da spiaggia e abbiamo affittato sdraio e ombrellone fronte mare per 8 euro.
Falassarna è anche molto frequentata, ma è stata sicuramente meno caotica rispetto alle altre due. In spiaggia sono presenti due baretti, spogliatoi e WC. Inoltre si possono praticare diversi water sports.
Consiglio di non fermarsi al primo stabilimento di ombrelloni subito dopo il parcheggio, ma di spostarsi leggermente a sinistra dove, almeno in mattinata, c'è poca gente e gli ombrelloni costano leggermente meno. Passiamo un'intera giornata in questa splendida spiaggia e non vorrei andarmene mai, i suoi colori mi hanno stregata.

Giorno 7

Avremmo dovuto passare questa giornata nella nostra spiaggia di Adelianos, ma viste le cattive condizioni meteo, a malincuore ci rinunciamo.
In mattinata andiamo comunque in spiaggia a passeggiare e riusciamo a scattare delle foto suggestive grazie a delle onde del mare altissime.
Nel pomeriggio, invece, ci rechiamo a Rethymo in bus (1,30 euro a corsa), un'antica cittadina greca molto caratteristica. Vi consiglio di andare ad ammirare il porto antico e se avete tempo di visitare la fortezza veneziana (ingresso 4 euro).
Molto bello è stato perdersi tra le viuzze della città in mezzo a taverne e negozi di souvenir che vendono davvero di tutto, oltre che ai negozi di prodotti locali.
In serata può essere romantico passeggiare per il lungomare e fermarsi a mangiare in una delle numerose taverne affacciate su di esso.

Un consiglio utile: non aspettate il bus di ritorno nella piazza principale perché a causa della folla potreste non riuscire a salire sul bus e dovrete aspettare quello successivo. Camminate piuttosto fino alla stazione dei bus o ad una fermata intermedia dove potrete salire sui mezzi senza problemi.

Giorno 8

L'ultimo giorno lo passiamo ad Adelianos Kampos, in mattinata ci godiamo le ultime ore di mare mentre nel pomeriggio ci dedichiamo all'acquisto dei souvenirs.

In serata ci dirigiamo in minibus all'aereoporto e nonostante la quantità enorme di persone presenti riusciamo a partire in orario.
Il volo fila liscio ed atterriamo a Zurigo intorno alle 22.
Siamo proprio giunti al termine di una vacanza indimenticabile!

Visita la Gallery

Cerca nel blog

Instagram

Indirizzo